Carenza di cotone: quali sono i rischi per il 2023?

carenza di cotone
Facebook
Twitter
LinkedIn

Le recenti alluvioni e inondazioni in Pakistan hanno portato ad una riduzione del 40% della produzione e dei raccolti annuali di cotone. Il cambiamento climatico da giugno ha devastato il Pakistan e ucciso circa 1200 persone oltre a devastare i raccolti – compreso quello di cotone – per la stagione 2022-2023.

Pochi sanno che il Pakistan è il quinto produttore di cotone maggiore al mondo e Better Cotton in un report mostra come con l’acqua piovana nei campi gli agricoltori non hanno potuto raccogliere il cotone con un rischio concreto di carenza di cotone a livello mondiale per il 2023.

I danni delle alluvioni ai raccolti di cotone in Pakistan

Nel frattempo, le sgranatrici situate nelle aree colpite dalle inondazioni sono chiuse e altre sgranatrici gestiscono stabilimenti con capacità limitata.

Il governo del Pakistan stima che circa il 40% del raccolto annuale di cotone sia stato danneggiato o perso a causa delle inondazioni. Qualsiasi carenza di Better Cotton in questa stagione dal Pakistan sarà supportata dalle importazioni dai principali paesi di Better Cotton come Brasile, Stati Uniti, Australia e attraverso Cotton made in Africa (CmiA).

In quanto tale, Better Cotton afferma di non prevedere una carenza di approvvigionamento in Pakistan quest’anno. Tuttavia, alcuni degli impatti delle inondazioni nella stagione del cotone 2022-23 potrebbero verificarsi nel 2023.

Forti piogge hanno iniziato ad inondare le aree del Pakistan nel giugno 2022, all’inizio della stagione dei monsoni. Le precipitazioni senza precedenti hanno causato devastanti inondazioni e smottamenti, colpendo oltre 30 milioni di persone. Le precipitazioni sono diminuite dall’inizio di settembre e i fiumi sono tornati ai livelli normali dell’acqua, secondo Better Cotton. Alcuni distretti sono ancora interessati dalle inondazioni e si prevede che rimarranno almeno parzialmente allagati fino alla fine dell’anno.

Gli interventi per contrastare la carenza di cotone nel 2023

Come detto la carenza di cotone sarà supportata dalla produzione di altri Paesi, ma non solo.  partner del programma, tra cui CABI, REEDS e SWRDO, stanno lavorando per utilizzare i contributi non spesi del Fondo per la crescita e l’innovazione per fornire sollievo agli agricoltori e ai lavoratori colpiti. Le attività pianificate includono l’assistenza finanziaria per il personale sul campo per aiutare a ricostruire le loro case, supporto medico attraverso cliniche mobili, zanzariere (a causa di un’elevata epidemia di febbre dengue nelle aree allagate) e sementi per gli agricoltori per la prossima stagione del cotone.

L’ultima riunione dei membri regionali di Better Cotton si è tenuta il 6 ottobre 2022. Hanno partecipato una varietà di parti interessate tra cui rappresentanti dell’industria tessile, funzionari governativi, sgranatrici, filature, partner del programma e rappresentanti di ONG locali e internazionali.

Sicuramente ErreBiancheria stima che questa situazione si tradurrà in un aumento del prezzo del cotone per il 2023 data la minore disponibilità di materia prima. Non resta che stare a vedere come evolverà la situazione, che sempre più mette al centro dell’attenzione di tutti l’impatto dei cambiamenti climatici.

Facebook
Twitter
LinkedIn

Lascia un commento

WhatsApp chat